I luoghi Storici dell'Isola d'Elba

I luoghi passati, ricordo delle numerose civiltà che hanno conquistato l'isola. L'Isola d'Elba è ricca di storia, dai piccoli reperti a vere e proprie case e ville.

 

L'Orto dei Semplici Elbano

vicino l'Eremo di Santa Caterina a Rio nell'Elba Tel 0565 943428

Orto dei Semplici Elbano a rio nell'elba

L'Orto dei Semplici Elbano è posizionato accanto all'Eremo di Santa Caterina nel comune di Rio nell'Elba, seguire le indicazioni per arrivare a Rio nell'Elba e orto dei semplici elbano isola d'elbaproseguire verso Nisporto Nisportino, seguire i cartelli stradali indicanti l'Eremo di Santa Caterina.
Per accedere all'Orto dei Semplici Elbano proseguire tramite un sentiero sterrato lungo circa 300 metri, pedonale e ciclabile ma non carrabile per le auto, immerso nella macchia mediterranea e costeggiato da un filare di cipressi.
Al termine del sentiero ci si trova  in un prato verde con vista panoramica sul mare impreziosito da un obelisco di ferro che richiama il passato riese dedicato all'estrazione mineraria.
L'Orto botanico dei Semplici fu aperto nell'estate del 1997 con l'intento di custodire le piante spontanee dell'Arcipelago Toscano, promuovere eventi a tema agricolo-ambientale e far conoscere le tradizioni del territorio dell'Isola d'Elba.

L'Orto dei Semplici Elbano ha lo scopo di conservare e valorizzare la flora originaria dell'Isola d'Elba, e per questo l'interno dell'orto è stato suddiviso in undici aree diverse, delimitate da materiali naturali quali il tufo, la pietra e pergolati di legno.


I) La Macchia Mediterranea: si trova subito ai lati del primo camminamento che si trova all'Ingresso e presenta numerose specie sempreverde come il lentisco, il mirto, la stipa, il cisto, l'alloro, il sorbo, le ginestre e il leccio che ricostruiscono la vegetazione più diffusa all'Isola d'Elba.

orto dei semplici elbanoII) Il Pergolato: superato il primo sentiero ci si trova all'interno di una stanza composta da pareti di tufo abilmente lavorato e superiormente un pergolato rettangolare dove vi si trovano tutte e sette le viti tipiche dell'Isola d'Elba, la pianta di vite più famosa è sicuramente l'Aleatico dell'Elba, ed il vino dolce e vellutato che si ottiene è il vino elbano più famoso.

III) La Flora delle Dune Marine: salendo al livello superiore troviamo l'area dedicata alle dune marine, delimitata da bassi blocchi di tufo che custodiscono le piante degli arenile e delle dune dell'Isola d'Elba (gli arenili più famosi all'elba si possono trovare presso la spiaggia di Lacona a Capoliveri o sulla spiaggia di Fetovaia), tra le quali troviamo: la santolina delle sabbie, il giglio di mare, il trifoglio marino, la camomilla marina.

IV) Le piante Sacre delle Civiltà Antiche: racchiusa tra alte mura di pietra troviamo l'area delle piante antiche che ospita le specie utilizzate in antichità. Le piante più interessanti sono: l'alloro, il melograno, la lavanda e il mirto.

orto dei semplici a Rio Elba isola d'elbaV) Piante degli Antichi Giardini Elbani: area dedicata per abbellire i giardini storici dell'Isola d'Elba, ricchi di piante ornamentali come ortensie, rose, cipressi, glicini ma anche viti e molti agrumi.

VI)  Il Labirinto: numerose vasche di tufo accolgono le piante utilizzate nella tradizione popolare elbana per scopi alimentari, medici e aromatici.

VII) L'Anfiteatro: è un luogo di relax, ideale per la meditazione immersi nei profumi della natura. Vi troverete in silenzio accompagnati dai profumi delle piante mediterranee e dal suono delle molte specie di uccelli che transitano e nidificano sull'Isola.

VIII) Il Giardino delle Farfalle: area di piante profumate e colorate che attirano molte specie di farfalle presenti soprattutto nel periodo primaverile.

orto dei semplici elbano veduta lateraleIX) Il Campo Grande: ampio campo d'erba naturale ricco di fiori spontanei, mantenuto con pochi interventi di manutenzione per renderlo il più naturale possibile.

X) Il Frutteto: area destinata a raccogliere e custodire le varietà autoctone di frutta dell'Isola d'Elba, ad oggi è composta da una trentina di varietà tra fichi, meli, peschi, sorbi, peri, ciliegi albicocchi, susini e mandorli tutti storicamente coltivati sull'Isola.

XI) L'Apiario: nato dall'idea di Roberto Ballini, il curatore dell'Orto dei Semplici Elbano,  composto da variopinte arnie posizionate su un prato al livello più basso e distante dall'orto. L'apiario è nato con l'intento di far conoscere queste stupende e fondamentali creature basilari per l'impollinazione e la fecondazione dei fiori e delle piante.

 

Gli orari dell'Orto dei Semplici Elbano di Rio nell'Elba

da Aprile a Giugno - da Giovedì a Domenica dalle ore 11:00 alle ore 18:00

da Luglio a Settembre - tutti i giorni escluso il Lunedì - dalle ore 15:00 alle ore 20:00

da Ottobre a Novembre - da Venerdì a Domenica - dalle 10:00 alle 13:00

In caso di piaggio l'Orto Botanico rimane chiuso.

Per contatti e informazioni telefonare al 0565 943428 - 0565 943459

 

 

Il Castello del Volterraio

La più antica fortificazione dell'Isola d'Elba

Sulla strada del Volterraio che collega Portoferraio a Rio nell'Elba.

Castello del Volterraio ElbaL'origine del nome del Castello del Volterraio potrebbe derivare dal latino Vultur (avvoltoio), per la sua posizione di vedetta sulla parte orientale dell'Isola.

Per la sua posizione strategica da cui è possibile controllare gran parte dell'Isola, ha svolto la funzione di Fortezza di avvistamento e di difesa dell'Isola d'Elba,  Costruito nel 1231 sopra i resti di una antica struttura etrusca sul progetto dell'Architetto Vanni di Gherardo Rau, per volere della repubblica pisana, a scopo difensivo verso le frequenti incursioni piratesche, viene ampliato nel XIII secolo dall'architetto Vanni Di Gherardo per adeguarlo alle esigenze difensive dell'epoca, grazie alla sua posizione e ai vari ampliamenti subiti nel XV secolo, la Fortezza del Volterraio resistette all'assalto dei turchi nel 1544 offrendo riparo alle popolazioni elbane del tempo.

Dal XV secolo il Castello del Volterraio continua a far parte del sistema di difesa anche durante il dominio dei Medici e dei Lorena, per essere infine utilizzato come presidio militare dalle truppe Napoleoniche.

Acquistato dal Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, in questo periodo il Castello del Volterraio ha subito una grande ma necessaria ristrutturazione ed è stato riaperto al pubblico.

Percorrendo con cautela il ripido sentiero sterrato segnalato dalla strada tra Magazzini e Rio nell'Elba è possibile arrivare fin fuori le imponenti mura esterne e godere degli stupendi panorami sul paese di Portoferraio e della meravigliosa vista sul mare.

Il Castello del Volterraio visibile anche dal traghetto è composto da una pianta esagonale ed è completamente rivestito in pietra.

 

 

Villa Romana delle Grotte

Località Le Grotte, Portoferraio, Isola d'Elba

Posizionata in zona panoramica sul promontorio di fronte a Portoferraio, costruita nel I secolo a.c. e utilizzato probabilmente come villa per le vacanze delle famiglie romane più ricche.

villa romana delle grotte isola d'elbaLa Villa romana delle Grotte a Portoferraio all'Isola d’Elba è una delle testimonianze archeologiche di epoca romana più importanti dell’Arcipelago Toscano: si tratta di una grande residenza signorile edificata in epoca augustea (I secolo a.C.), posizionata in un'area estremamente panoramica e suggestiva. Il complesso della villa, i cui resti sono ancora oggi ben conservati, è formato da un grande quartiere residenziale circondato da giardini, da edifici termali e da una cisterna sotterranea.

Il sito, quindi, offre la possibilità di visitare un insieme di testimonianze relative alla vita di una nobile famiglia romana: il visitatore, camminando tra i resti della villa e delle terme, potrà immaginare quale fosse la quotidianità del tempo e la realtà degli originari abitanti dell'imponente residenza.

I reperti storici che rimangono della villa romana delle Grotte sono conservati presso il Museo della Linguella a Portoferraio.

(da wikipedia) Durante la prima metà del XVIII secolo la domus venne ampiamente descritta da alcuni storici elbani. La descrizione più dettagliata si deve a Giovanni Vincenzo Coresi Del Bruno: «Vi sono stati ritrovi parimenti dei quadretti bianchi di marmo a filari, mescolati con quadri di bardiglio turchino, un sì e un no, et altri fatti a mandorle, bianchi, turchini e rossi. Sono anche state ritrovate stanze demolite da mezzo in su, e in quello che era restato intatto si vedeva un cornicione che ricorreva intorno alle stanze d'ordine dorico et un altro d'ordine corinto, con alcuni basamenti accompagnati e pilastrati.»

 

La Villa romana delle Grotte è visitabile e aperta al pubblico ai seguenti orari:

Dal 14 Maggio al 12 Giugno, tutti i Sabati e le Domeniche 9:30 - 12:30 / 16:00 19:30

Dal 13 Giugno al 11 Settembre, tutti i giorni 9:00 alle 12:00 / 17:30 - 20:00

Dal 12 Settembre al 30 Settembre, tutti i Sabati e le Domeniche 9:30 - 12:30 / 16:00 19:30

villa delle grotte isola d'elba

Il sito archeologico della Villa Romana delle Grotte a Portoferraio Isola d'Elba è visitabile tutto l'anno previa prenotazione e con la possibilità di organizzare e accogliere visite guidate, itinerari didattici e eventi privati.

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il cellulare 3278369680 oppure l'Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

I lavatoi pubblici di Rio nell'Elba

lavatoi pubblici rio nell'elba

 

Pochi metri prima del centro abitato di Rio Elba.

I lavatoi pubblici di Rio nell'Elba si trovano all'interno di piccolo edificio rosa con soffitto a capriate e finestroni, completamente ristrutturato ed in perfette condizioni, alle pareti dei pannelli informativi e fotografici ricostruiscono la storia dell'edificio, oggi location di eventi, mostre e matrimoni.

I lavatoi Pubblici sono stati utilizzati fino agli anni 70, vengono alimentati dalla fonte dei Canali composta da cinque bocche di ottone risalenti al 500.

Proprio davanti alla fonte dei canali e accanto ai lavatoi pubblici è possibile visitare la Casa del Parco di Rio nell'Elba, gestita dal parco nazionale dell'Arcipelago Toscano e aperta da Aprile a Ottobre che rappresenta un ottimo punto di partenza per escursioni naturalistiche del versante orientale dell'Isola d'Elba.

 

 

 

 

La Fonte di Napoleone

Poggio, Marciana, Isola d'elba

fonte di napoleone poggio all'isola d'elba

 

La fonte di Napoleone, è una sorgente di Acqua potabile che sgorga da una valle del Monte Capanne, nei pressi di Poggio, frazione di Marciana all'Isola d'Elba.

Nel XVII secolo la sua antica denominazione era "Fonte dell'Acquaviva", poi cambiato nel XX secolo nell'attuale Fonte di Napoleone.

Dal 1947 a tutt'oggi l'acqua viene imbottigliata come acqua minerale naturale Fonte Napoleone

 

fonte di napoleone a Poggio, Marciana

«Antichissima tradizione salutare e premurosi suggerimenti del suo popolo indussero Napoleone il Grande ad affidarsi fiducioso a questa fonte ivi cercando nuova salute e nuova lena per l'ala affranta dai cento voli gloriosi. Dal 23 agosto al 14 settembre 1814 qui dettando ai suoi fidi l'eterne memorie del folgorante passato risanava dei mali corporei e ne partiva guarito legando il Suo Nome all'acqua benefica per riprendere il suo fatale cammino. Giuseppe Cacciò iniziando nel 1947 la valorizzazione di questa ricchezza del sottosuolo elbano ha voluto ripristinare l'originaria fonte affinché gli ospiti sostandovi possano attingere dall'esempio del Grande la fede nelle sue prodigiose virtù curative.»