Visitare l'Isola d'Elba Blog

informazioni e i consigli per la vostra vacanza all'Isola d'Elba


BONUS VACANZE 2020 come funziona e come ottenerlo

Come richiedere fino a 500 euro di Bonus Vacanza

bonus vacanze Isola d'Elba

Il Decreto Rilancio (D.L. n. 34 del 19/05/2020 recante "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19") ha previsto, tra le varie, il c.d. Bonus Vacanze. Una misura fiscale volta ad agevolare consumatori e settore turistico.

Il Bonus Vacanze, infatti, consiste in un credito di imposta a favore dei nuclei famigliari che abbiano un ISEE, in corso di validità, non superiore ai 40.000 euro per pagare il pernottamento e servizi offerti da strutture alberghiere, B&B ed agriturismi.

L’importo del Bonus varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare. Quindi, 150 euro per i nuclei composti da una persona, 300 euro se composti da due persone ovvero 500 euro se composti da tre o più persone.

 

bonus vacanze 2020Bonus Vacanze 2020 Come funziona?

Tale Bonus viene riconosciuto in misura pari a 80% del corrispettivo dovuto alla struttura ricettizia (Alberghiera, B&B ovvero agriturismi) quale sconto sull’importo dovuto. Il rimborso al gestore avviene mediante il riconoscimento per l’anno 2020 di un credito di imposta che potrà essere utilizzato in compensazione secondo la normativa vigente. Il restante 20% della somma spettante, sarà detraibile in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno 2020.

 

Per usufruire del Bonus è necessario che le spese siano:

1. sostenute tra il 1° di luglio al 31 dicembre 2020;

2. in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi dall’impresa turistica ricettiva;

3. documentate mediante fattura o scontrino elettronico dal quale risulti il codice fiscale del soggetto che intende usufruire del Bonus, in quanto è fruibile per un solo componente per nucleo familiare.

 

Non si potrà richiedere l’applicazione di questa misura fiscale se le prenotazioni verranno effettuate tramite portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operatore, inoltre, non sarà possibile per la locazione di case vacanze ed affittacamere.

 

Per maggiori informazioni o chiarimenti:

www.avvsilviadodi.com

www.linkedin.com/in/avvsilviadodi

 

Avv. Silvia Dodi

 

 

Una balena al largo dell'isola d'elba

Avvistata dall'Elicottero della Guardia Costiera

 balenottera elba

Quando si parla dello spettacolo della natura al tempo del coronavirus è proprio difficile ignorare ciò che è successo al largo delle coste dell'isola d'Elba solo qualche giorno addietro. A darne la primaria comunicazione ci ha pensato la Guardia Costiera, che ha intravisto e filmato una balena di ben 20 metri durante il suo passaggio. Anche se il video è breve è già riuscito a conquistare le attenzioni di tantissime persone che sono rimaste a dir poco entusiaste nel vedere una balena di quelle dimensioni nuotare vicino all'isola d'Elba. Il video, difatti, dura poco meno di un minuto, ma l'animale protagonista non può essere confuso con nient'altro. Le immagini del video stesso riprendono un mammifero che nuota senza alcun disturbo. E anche se a prima vista si poteva facilmente confondere quella balena con altri mammiferi d'acqua, anche se piuttosto grandi, lo spruzzo d'acqua che si è fatto vedere dalla schiena è di quelli inconfondibili. Non a caso, i funzionari della Guardia Costiera hanno subito ripreso la balena nel video.

Un'altra stranezza è che sia successo proprio a Pasqua, quando la maggior parte delle persone festeggiava. Proprio in quel giorno sulla pagina Facebook ufficiale della Guardia Costiera è stato emesso un comunicato relativo alla presenza della balena e al suo comportamento abbastanza peculiare. Il video, inoltre, è stato ripreso dall'alto, da un elicottero Nemo che si trovava in una fase di pattugliamento del mare. Proprio da quest'ultimo è stata filmata la balena che, senza molti problemi e di contro con tanta nonchalance, si godeva la fresca brezza marina. La sua lunghezza, di ben 20 metri, ha subito spostato l'attenzione dei pattugliatori su di lei.

Si tratta comunque di un fenomeno abbastanza normale, dato che si tratta di abitanti del mare che sono soliti partire dall'isola di Lampedusa per raggiungere nel giro di una settimana circa il non molto lontano Santuario Pelagos. Non c'è da stupirsi, quindi, che la balena si sia fatta vedere emergendo per un paio di minuti prima di reimmergersi completamente. Ci ha dato comunque la possibilità di ammirare le sue grandi forme e le sue dimensioni niente male.

Lo spazio di mare in cui si è fatta vedere la balenottera è quello chiamato "Santuario dei Cetacei Pelagos" dove si trova anche l'Isola d'elba, ed è densamente abitato da tantissimi mammiferi marini. Di base si tratta di una porzione marittima di quasi 90.000 chilometri quadrati. Tale porzione di mare, inoltre, è nata grazie a un accordo firmato dall'Italia, dalla Francia e del Principato di Monaco: tutte terre toccate dall'acqua del territorio. Non a caso, qui è quasi sempre possibile intravedere una vasta gamma di mammiferi marittimi di vario genere. Su tutto lo specchio acqueo inoltre, vigono delle regole abbastanza speciali volti proprio ad assicurare ai mammiferi stessi una maggiore protezione dalla pesca illegale.

Quest'area marina viene anche riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente come un'area protetta. Istituita nel lontano 1991, essa viene considerata di primaria importanza per tutti quegli abitanti del mare che devono effettuare il passaggio. Principalmente, per quanto riguarda il nostro Bel Paese quest'area interessa ben 3 regioni: la Sardegna, la Liguria e anche la Toscana. I comuni interessanti, invece, sono di più: ben 124 nel caso della Francia, ben 111 comuni italiani e solo uno nel Principato di Monaco. Tutto questo rende l'area in cui è stata intravista la balena particolarmente grande e ampia, perfetta per le osservazioni di tantissimi (e molto vari) animali ripresi proprio al loro passaggio.

La reazione dei tantissimi utenti su Internet non si è fatta di certo attendere. Tutt'altro: quasi subito sono stati tanti i commenti di apprezzamento alla balenottera. Molti ne hanno in particolare ammirato le grandi dimensioni, anche se bisogna dire che il video ripreso dalla Guardia Costiera pecca un po' in tutto ciò che riguarda la qualità. Certo, si può comunque intravedere una balena di dimensioni piuttosto grandi, ma non con la qualità che tutti vorremmo avere.

E in futuro? Considerando che si tratta della stagione di spostamento, il periodo dell'anno in cui le balene effettuano la migrazione, anche nei giorni (e persino settimane) successivi si potranno intravedere varie balene di passaggio al largo dell'isola d'Elba che approfitteranno della calma del momento, infatti il traffico marittimo è molto diminuito anzi quasi azzerato, e se questo non è sicuramente un bene per l'economia al contrario ha giovato molto all'ambiente marino e ai suoi abitanti.

Certo, non è affatto detto che le balene si faranno di nuovo vedere emergendo proprio al largo dell'isola, ma esiste comunque un'alta probabilità che ciò accada. Questo perché le balene, a causa delle loro particolarità fisiologiche, devono comunque riemergere a intervalli di tempo regolari.

 

 

Viaggi e vacanze durante il coronavirus

Alcuni suggerimenti utili per le vacanze all'Elba senza pensieri

Coronavirus e vacanze Isola d'Elba

in questo periodo di incertezza e diciamolo pure di paura vediamo di darvi qualche suggerimento utile per le vostre vacanze in generale e all'Isola d'Elba in particolare.

 

Prenotare le vacanze estive all'Isola d'Elba è possibile?

Sempre più messaggi ci vengono inviati sui nostri canali social, è sicuro prenotare le vacanze in questo momento di incertezza? ovviamente al momento e con i dati che abbiamo in mano possiamo rassicurarvi, l'Isola d'Elba non ha casi di CODIV19 e non è un territorio a rischio, quindi potrete prenotare normalmente.

 

I numeri utili ufficiali per le informazioni sul COVID19

Ogni informazione deve essere concordata con i numeri di telefono ufficiali dell'emergenza, quindi prima di partire se avete qualsiasi domanda potrete contattare il numero di pubblica utilità 1500 gestito direttamente dal ministero della salute oppure il numero verde 800556060 a cui risponde il centro di ascolto della Regione Toscana dal Lunedi al Venerdi dalle 9:00 alle 18:00. Il numero 050954444 è inoltre il servizio dedicato dalla Asl Toscana Nord Ovest specifico per il conoravirus.

Vi ricordiamo di contattare i numeri dedicati in modo da concordare le modalità di arrivo sull'isola, sono vietati gli spostamenti dalle Zone Rosse e la normativa è in continuo aggiornamento, quindi è meglio partire informati per evitare spiacevoli inconvenienti.

 

 

Altre misure per tutelarvi sono quelle di uso comune e che devono essere attuate da tutti:

  • Il lavaggio delle Mani:

Anche se le mani sembrano pulite, igenizzarle spesso con gel alcolico (circa 30 secondi) o con acqua calda e sapone (circa 60 secondi) riduce il rischio di contagio.

Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.

Lavati le mani ogni volta dopo aver tossito o starnutito, dopo aver usato il bagno, dopo aver usato qualsiasi mezzo pubblico e prima di preparare o consumare cibo soprattutto se si tratta di alimenti crudi.

  • Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool, garantire una adeguata areazione degli ambienti.
  • Se starnutisci o tossisci copriti il naso e la bocca con un fazzoletto o con l'incavo del gomito, in caso di contatto con le mani igenizzale con del gel.
  • Non prendere farmaci a scopo precauzionale, non esistono farmaci che curano o che prevengano il Coronavirus
  • Evita il contatto con le altre persone a distanze inferiori a 1 metro, evita i luoghi chiusi e affollati.
  • Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato
  • Gli animali da compagnia non diffondono il coronavirus ma dopo il contatto è sempre buona norma effettuare il lavaggio delle mani.

 

VI RICORDIAMO CHE IN CASO DI FEBBRE, TOSSE O RAFFREDDORE NON RECATEVI NEI PRONTI SOCCORSI  MA TELEFONATE AI NUMERI SUGGERITI IN ALTO.

 coronavirus Isola d'elba

Quali sono i vostri consigli per godersi al meglio le vacanze? 

L'isola d'Elba si raggiunge tramite i tanti traghetti che la collegano alla costa, il nostro suggerimento è di lavarsi le mani con del gel disinfettante una volta usciti dall'auto, raggiungere i piani superiori e nel limite del possibile soprattutto quando il tempo è caldo sostare nel ponti all'aperto, evitando di ammassarsi nei saloni.

Una volta raggiunto il vostro alloggio non c'è motivo per non godersi la vostra vacanza normalmente, evitate i luoghi affollati e al chiuso, ma per fortuna all'Isola d'Elba le meraviglie naturali, le spiagge o le passeggiate immersi nella natura non mancano e sono tutti all'aperto e con poche persone vicine le une alle altre.

Ogni giorno le procedure e le ordinanze si aggiornarno, quindi è necessario informarsi nei giorni precedenti alla partenza, al momento i vari comuni dell'Isola d'Elba richiedono alle persone che provengono dalle zone a rischio di contattare i numeri a disposizione, le scuole, gli impianti sportivi e le manifestazioni rimangono chiusi fino al 15 Marzo.

 

Vacanze all'Elba con l'assicurazione

Il sistema turistico dell'Isola d'Elba sta preparando in questi giorni una polizza che garantirebbe il rimborso totale agli ospiti che all'ultimo momento dovessero annullare il soggiorno per paura del virus COVID19.

In questi giorni l'isola d'Elba sta studiando una polizza di assicurazione che possa permettere ai turisti di prenotare normalmente la propria vacanza avendo la sicurezza del rimborso in caso di malattia del turista o di un familiare oppure nel caso che nella struttura scelta si verificasse un caso positivo, per ora sono solo alcune delle ipotesi di salvaguardia che l'isola sta pensando per tutelare al meglio i propri ospiti.

 

Dal 10 Marzo tutta Italia è stata dichiarata ZONA PROTETTA, non sono consentiti spostamenti se non per comprovate necessita. Chiusi gli impianti sciistici e i bar e i ristoranti dopo le 18. È un momento difficile per tutta la nazione, ma ci auguriamo che queste misure riescano a contenere il virus.

 

L'Isola d'Elba vi aspetta

 

Avete dei suggerimenti da aggiungere a questo articolo? contattaci per email o scrivici sui nostri social.