Visitare l'Isola d'Elba Blog

informazioni e i consigli per la vostra vacanza all'Isola d'Elba


Elba da assaggiare

viaggio attraverso la cucina tipica dell'Isola d'Elba

cucina tipica elba

Dopo aver soggiornato per 21 mesi di Luglio all’Isola d’Elba sono felicissima di poter dare il mio contributo a chi (e un po’ vi invidio) ha la fortuna di sbarcare ora alla scoperta di questa incantevole isola. Attenzione però perché non si torna indietro, una volta respirata l’atmosfera elbana inizieranno i “NO IMPOSSIBILE A GIUGNO/LUGLIO/AGOSTO DEVO ANDARE ALL’ELBA” in risposta a qualsiasi proposta estiva vi verrà fatta, e i countdown da quando tornerete a quando ripartirete. Nella mia famiglia l’anno è scandito da salita e discesa dal traghetto, giuro 😊

piatti tipici elbaMare autentico e indomabile ma accogliente, color “Acqua dell’Elba” (conoscete i famosi profumi e le ottime fragranze?), spiagge bianche, dorate, nere e rosse, tramonti strappalacrime, natura variegata e profumata, montagna avventurosa, paesi ricchi di colori e storia, ma non solo… Anche ottime scorpacciate!

Ecco quindi qualche spunto per fare il pieno di energie e buoni sapori tra una nuotata ed un’escursione, perché chi ama viaggiare sa che la cultura esce anche dalle pentole e che non si può dire di conoscere davvero un luogo se non si sono assaggiate le specialità e ascoltate le tradizioni che si nascondono dietro i piatti.

E allora, cominciamo dai tre must dell’Isola d’Elba, quelli che finché non li assaggiate non vi fanno ripartire: cacciucco, Aleatico e la schiaccia briaca. Un primo piatto di pesce, un vino e un dolce, perfetto no?

Si parte ovviamente dal primo, la mitica zuppa di pesce toscana (famosa soprattutto nella sua versione “alla livornese”) che rappresenta l’asso nella manica di molti ristoranti dell’isola: tenete presente però che dato l’assortimento di ingredienti e la lunga cottura, bisogna ordinarlo il giorno prima! Insomma, come tutte le cose migliori, si fa attendere, ma ne vale oltremodo la pena. Le antiche origini del cacciucco oscillano sui pescherecci e lo vedono nascere come zuppa composta di scarti, o meglio di pesci che restavano invenduti: nasce quindi come piatto povero, ma negli anni si è “arricchito” e oggi tra le 6/7 varietà di pesce che di norma lo compongono si possono trovare anche elementi pregiati. Non cambiano la forma e le modalità: un’anima di gustosissimo sugo di pomodoro, aglio, cipolla, prezzemolo, peperoncino e varie altre spezie/erbe messo cuocere e ricuocere a lungo, ed un corpo composto da pesci - crostacei - molluschi che il nome (probabilmente dal turco küçük cioè minutaglie, pezzetti) vorrebbe sminuzzati ma che oggi sono solo molto morbidi e mescolati tra loro. Tra questi, che variano a seconda della giornata e della stagione, spiccano di solito cozze, gamberoni, granchi, polpi, scorfani, tracine, pesci san pietro, gallinelle etc. Ma non è finita qui: sotto il sugo e il pesce si nasconde una graditissima sorpresa, ovvero un letto di fette di pane abbrustolite imbevuto di sugo e aglio che è tra le cose più soddisfacenti che io abbia mai mangiato e che mi piace, barando, andare a mangiare anche prima di aver finito i pesci. Davvero Imperdibile.

Ovviamente questo ricco piatto unico dev’essere accompagnato da un buon vino bianco: dal più secco Elba Bianco al classico Vermentino fino al più profumato Ansonica. Spazzolato il cacciucco, resta giusto un posticino per il dolce: ecco che vi consiglio di ordinare la famosa schiaccia briaca, se amate la frutta secca, i sapori speziati e vagamente alcolici.

Si tratta di un dessert teoricamente natalizio che incrocia la sua storia con quella dei pirati, una torta non lievitata composta principalmente da farina, zucchero, pinoli, uvetta, mandorle e noci oltre agli immancabili alchermes e aleatico che non solo la spruzzano di rosso ma le conferiscono anche il nome di schiaccia briaca, ovvero ubriaca. Ma è ubriaca solo lei, potete mangiare questo dolce anche a colazione senza preoccuparvi: tant’è che nei ristoranti ve la proporranno con un bicchierino di Aleatico, ed eccoci al terzo must elbano.

L'aleatico è un passito da dessert tipico esclusivamente dell’Isola d’Elba e per questo non sempre facile da trovare: ricordo annate in cui ristoranti e negozi non lo avevano, perché la stagione non era stata buona per i vigneti di Aleatico. Ha un profumo e un sapore decisamente intensi, è dolce e corposo, con un caratteristico retrogusto di frutti rossi e prugne, cannella, chiodi di garofano e altre spezie, ed avvolge perfettamente i dolci inzuppati. Normalmente mette d’accordo tutti, quindi è anche un souvenir perfetto per chi ci aspetta a casa. Concedo una variante a chi non ama gli alcolici: un altro delizioso dessert che consiglio è la mattonella ai pinoli, semifreddo a base di panna, crema e pinoli tostati dell’isola, dolcemente rassicurante. Se invece partecipate ad una festa di paese, vi imbatterete sicuramente nel corollo, classico ciambellone (anche questo da ravvivare intingendo) che sa di casa, tradizione e semplicità d’altri tempi.

cucina tipica isola d'elbaEbbene il menù principale lo abbiamo stilato, ma per par condicio aggiungiamo un’altra variante: amanti della carne non temete, all’Elba è buonissima anche quella! In particolare la mitica chianina, razza bovina tosco-umbra. Personalmente non l’ho mai consumata al ristorante (ce ne sono un paio specializzati) ma solo acquistata in macelleria e inutile dire che in 20 anni non ho ancora trovato hamburger così morbidi e saporiti da nessun altra parte. Anche il cinghiale è molto diffuso all’Elba, sia come adorabile animale grufolante che potreste incontrare lungo le strade di notte o i sentieri di montagna sia come portata. Come contorno potete ordinare il gurguglione (stufato tipico elbano di cipolla, pomodori, zucchine, melanzane e patate, un tempo sostanziale per contadini e minatori!) oppure acquistare qualche verdura dai tanti chioschetti che troverete lungo la strada: frutta e verdura dei posti di mare, si sa, hanno una marcia in più, e quando friggerete le patate dell’Elba capirete di cosa parlo. Asciutte, saporitissime, vi avverto che le rimpiangerete tutto l’anno. E le cipolle? Alcuni anni abbiamo viaggiato con le valigie in braccio, pur di caricarne decine di kg nel bagagliaio e portarle in città. Anche melanzane, zucchine, pesche e fichi degni di lode.
Ma dove mangiare queste prelibatezze? Posso elencarvi i miei paesi e location preferiti, ovvero la magica Marciana, un vero e proprio presepe antico, totalmente in pietra, che di notte vi lascerà senza parole (dopo cena potete scendere a Marciana Marina per un ottimo gelato, spuntino di mezzanotte o cocktail sul lungomare); l’altrettanto inerpicato e signorile Poggio; il piccolo e montanaro San Pietro; la spettacolare e arzigogolata Capoliveri, piena di localini colorati di grande qualità dislocati su scalinate di pietra da set teatrale (attenzione però: tutti i migliori locali aprono solo a cena!); l’adorata Costa del Sole (da Cavoli a Marciana) con i suoi ristoranti verandati che guardano il tramonto; l’affascinante e storica Portoferraio vecchia. Porto Azzurro l'elegante salotto dell'Isola d'Elba ricco di negozietti e ristoranti, e la piccola rio con le sue passeggiate lungomare di Rio Marina e della piccola Cavo. Ovviamente non mancano lungo tutte le strade ottimi forni in cui rifornirsi prima di affrontare una lunga giornata di bagni, sole e avventure, e consiglierei di abbinare a pane (nb: quello locale non è salato!) e focaccia il saporitissimo prosciutto toscano, riconoscibile dal pepe che lo incornicia, o la tipica finocchiona. Lo so, servirebbero otto pasti al giorno per assaggiare tutto: ecco perché sono ancora qui, dopo tanti anni 😊

 

Si ringrazia Emma Munarini che potete trovare su Instagram con il suo account dedicato alla cucina tuttigusti_piu1

 

 

 

BONUS VACANZE 2020 come funziona e come ottenerlo

Come richiedere fino a 500 euro di Bonus Vacanza

bonus vacanze Isola d'Elba

Il Decreto Rilancio (D.L. n. 34 del 19/05/2020 recante "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19") ha previsto, tra le varie, il c.d. Bonus Vacanze. Una misura fiscale volta ad agevolare consumatori e settore turistico.

Il Bonus Vacanze, infatti, consiste in un credito di imposta a favore dei nuclei famigliari che abbiano un ISEE, in corso di validità, non superiore ai 40.000 euro per pagare il pernottamento e servizi offerti da strutture alberghiere, B&B ed agriturismi.

L’importo del Bonus varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare. Quindi, 150 euro per i nuclei composti da una persona, 300 euro se composti da due persone ovvero 500 euro se composti da tre o più persone.

 

bonus vacanze 2020Bonus Vacanze 2020 Come funziona?

Tale Bonus viene riconosciuto in misura pari a 80% del corrispettivo dovuto alla struttura ricettizia (Alberghiera, B&B ovvero agriturismi) quale sconto sull’importo dovuto. Il rimborso al gestore avviene mediante il riconoscimento per l’anno 2020 di un credito di imposta che potrà essere utilizzato in compensazione secondo la normativa vigente. Il restante 20% della somma spettante, sarà detraibile in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno 2020.

 

Per usufruire del Bonus è necessario che le spese siano:

1. sostenute tra il 1° di luglio al 31 dicembre 2020;

2. in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi dall’impresa turistica ricettiva;

3. documentate mediante fattura o scontrino elettronico dal quale risulti il codice fiscale del soggetto che intende usufruire del Bonus, in quanto è fruibile per un solo componente per nucleo familiare.

 

Non si potrà richiedere l’applicazione di questa misura fiscale se le prenotazioni verranno effettuate tramite portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operatore, inoltre, non sarà possibile per la locazione di case vacanze ed affittacamere.

 

Per maggiori informazioni o chiarimenti:

www.avvsilviadodi.com

www.linkedin.com/in/avvsilviadodi

Avv. Silvia Dodi 

 

 

Le Strutture dell'Isola d'Elba che accettano il bonus vacanza

Vi ricordiamo di contattare direttamente le strutture perchè alcune hanno delle condizioni particolari per accettare il bonus, come ad esempio un minimo di notti per il soggiorno.

 

Hotel Marina 2, Marina di Campo, 0565977881, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Hotel Le Acacie, 0565966111, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Hotel Dei Coralli, 0565976336, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Appartamenti Villa Teresa, Porto Azzurro, 0565957888, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Hotel Aurora, Chiessi, 0565906129, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Elba, Marina di Campo, 0565976224, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Fabricia, Portoferraio, 0565933181, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Riva del Sole, Marina di Campo, 0565 976316, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Montemerlo, Fetovaia, 0565 988051, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Lo Scirocco, Fetovaia, 0565988033, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Villa Rodriguez, Naregno, 0565968423, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mini Hotel, Lacona, 0565964041, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Villa Etrusca, Marina di Campo, 0565976363, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Capo sud, Lacona, 0565964021, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residence Belvedere, Capoliveri, 0565967590, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Villaggio Turistico Innamorata, località innamorata, 0565939104, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Sant'Andrea, loc. San't Andrea, 0565908006, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Camping Lacona, Lacona, 0565964161, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Casa Campanella, Capoliveri, 0565915740, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Villa Wanda, Porto Azzurro, 0565940025, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Meridiana, Marina di Campo, 0565976308, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Dino, Loc. Pareti, 0565939103, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel La Perla del Golfo, Procchio, 0565907733, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Il Caminetto, Portoferraio, 0565915271, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Il Giardino, Lacona, 0565964059, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residence la Valdana, loc. La Valdana, 0565940016, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Mirage, Marina di Campo, 0565977678, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Campeggio Rosselba le Palme, Portoferraio, 0565933101, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Yacht Club, Marciana Marina, 0565904422, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Antares, Lido di Capoliveri, 0565940131, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Camping Casa dei Prati, Lacona, 0565964060, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Puntoverde, Marina di Campo, 0565921104, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residence il Drago, loc. Morcone, 0565968429, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Villino nel bosco, Capoliveri, 3396831281, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Santo Stefano, Portoferraio, 0565933161, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Corallo, Pomonte, 0565906042, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Piccolo Hotel Versilia, Marina di Campo, 0565976123, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Lorenza, Cavoli, 3389287986, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel isola Verde, Marciana Marina, 0565904221, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Camping Acquaviva, Portoferraio, 0565919103, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Appartamenti Onda su Onda, Seccheto, 3388303731, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residence Casa del Golfo, Capoliveri, 0565964110, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel La Scogliera, Capoliveri 0565968424, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Residence il Mandorlo, Lacona, 0565964260, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Valle Verde, loc. Spartaia, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Monna Lisa, Procchio, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Oleandro, Sant'Andrea, 0565908088, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Camping Scaglieri, 0565969940, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Hotel Santa Caterina, 0565976452, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Una balena al largo dell'isola d'elba

Avvistata dall'Elicottero della Guardia Costiera

 balenottera elba

Quando si parla dello spettacolo della natura al tempo del coronavirus è proprio difficile ignorare ciò che è successo al largo delle coste dell'isola d'Elba solo qualche giorno addietro. A darne la primaria comunicazione ci ha pensato la Guardia Costiera, che ha intravisto e filmato una balena di ben 20 metri durante il suo passaggio. Anche se il video è breve è già riuscito a conquistare le attenzioni di tantissime persone che sono rimaste a dir poco entusiaste nel vedere una balena di quelle dimensioni nuotare vicino all'isola d'Elba. Il video, difatti, dura poco meno di un minuto, ma l'animale protagonista non può essere confuso con nient'altro. Le immagini del video stesso riprendono un mammifero che nuota senza alcun disturbo. E anche se a prima vista si poteva facilmente confondere quella balena con altri mammiferi d'acqua, anche se piuttosto grandi, lo spruzzo d'acqua che si è fatto vedere dalla schiena è di quelli inconfondibili. Non a caso, i funzionari della Guardia Costiera hanno subito ripreso la balena nel video.

Un'altra stranezza è che sia successo proprio a Pasqua, quando la maggior parte delle persone festeggiava. Proprio in quel giorno sulla pagina Facebook ufficiale della Guardia Costiera è stato emesso un comunicato relativo alla presenza della balena e al suo comportamento abbastanza peculiare. Il video, inoltre, è stato ripreso dall'alto, da un elicottero Nemo che si trovava in una fase di pattugliamento del mare. Proprio da quest'ultimo è stata filmata la balena che, senza molti problemi e di contro con tanta nonchalance, si godeva la fresca brezza marina. La sua lunghezza, di ben 20 metri, ha subito spostato l'attenzione dei pattugliatori su di lei.

Si tratta comunque di un fenomeno abbastanza normale, dato che si tratta di abitanti del mare che sono soliti partire dall'isola di Lampedusa per raggiungere nel giro di una settimana circa il non molto lontano Santuario Pelagos. Non c'è da stupirsi, quindi, che la balena si sia fatta vedere emergendo per un paio di minuti prima di reimmergersi completamente. Ci ha dato comunque la possibilità di ammirare le sue grandi forme e le sue dimensioni niente male.

Lo spazio di mare in cui si è fatta vedere la balenottera è quello chiamato "Santuario dei Cetacei Pelagos" dove si trova anche l'Isola d'elba, ed è densamente abitato da tantissimi mammiferi marini. Di base si tratta di una porzione marittima di quasi 90.000 chilometri quadrati. Tale porzione di mare, inoltre, è nata grazie a un accordo firmato dall'Italia, dalla Francia e del Principato di Monaco: tutte terre toccate dall'acqua del territorio. Non a caso, qui è quasi sempre possibile intravedere una vasta gamma di mammiferi marittimi di vario genere. Su tutto lo specchio acqueo inoltre, vigono delle regole abbastanza speciali volti proprio ad assicurare ai mammiferi stessi una maggiore protezione dalla pesca illegale.

Quest'area marina viene anche riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente come un'area protetta. Istituita nel lontano 1991, essa viene considerata di primaria importanza per tutti quegli abitanti del mare che devono effettuare il passaggio. Principalmente, per quanto riguarda il nostro Bel Paese quest'area interessa ben 3 regioni: la Sardegna, la Liguria e anche la Toscana. I comuni interessanti, invece, sono di più: ben 124 nel caso della Francia, ben 111 comuni italiani e solo uno nel Principato di Monaco. Tutto questo rende l'area in cui è stata intravista la balena particolarmente grande e ampia, perfetta per le osservazioni di tantissimi (e molto vari) animali ripresi proprio al loro passaggio.

La reazione dei tantissimi utenti su Internet non si è fatta di certo attendere. Tutt'altro: quasi subito sono stati tanti i commenti di apprezzamento alla balenottera. Molti ne hanno in particolare ammirato le grandi dimensioni, anche se bisogna dire che il video ripreso dalla Guardia Costiera pecca un po' in tutto ciò che riguarda la qualità. Certo, si può comunque intravedere una balena di dimensioni piuttosto grandi, ma non con la qualità che tutti vorremmo avere.

E in futuro? Considerando che si tratta della stagione di spostamento, il periodo dell'anno in cui le balene effettuano la migrazione, anche nei giorni (e persino settimane) successivi si potranno intravedere varie balene di passaggio al largo dell'isola d'Elba che approfitteranno della calma del momento, infatti il traffico marittimo è molto diminuito anzi quasi azzerato, e se questo non è sicuramente un bene per l'economia al contrario ha giovato molto all'ambiente marino e ai suoi abitanti.

Certo, non è affatto detto che le balene si faranno di nuovo vedere emergendo proprio al largo dell'isola, ma esiste comunque un'alta probabilità che ciò accada. Questo perché le balene, a causa delle loro particolarità fisiologiche, devono comunque riemergere a intervalli di tempo regolari.